La qualità maggiore di un buon medico è un'estrema capacità di attenzione, perché la medicina è sopra ogni altra cosa un'arte dell'osservare

martedì 7 gennaio 2014

Il mito della grande Dea nell'India tantrica al Cenacolo del 13.1.2014 con Luigi Turinese e Gioia Lussana


PerìArχôn – Cenacolo di Cultura Archetipica
Lunedì 13 Dicembre 2014  ore 19.45

Programma





“Il Sogno dellaMenade” video di Gianna Tarantino

“Appunti-segnalazioni” rubrica di Luigi Turinese

Il Segno del Capricorno nell’Astrologia Evolutiva di Maria Santucci

“Il mito della grande Dea dell’India Tantrica e analisi dei suoi caratteri essenziali”
di
Gioia Lussana*


 

Info e prenotazioni: periarxon@gmail.com
Blog di Luigi Turinese:
http://luigiturinese.blogspot.it/
Guppo facebook: PerìArXòn


Gioia Lussana è insegnante yoga (Y.A.N.I.) e docente di tantrismo nella Scuola di formazione per insegnanti yoga dell’U.P.S. (Università Popolare dello Sport) a Roma.
Laureata cum laude in Indologia con R.Gnoli e R.Torella, ha approfondito in particolare il tantrismo kashmiro di matrice shivaita non duale.
Nel 1987 è stata co-fondatrice dell'A.ME.CO (Associazione per la Meditazione di Consapevolezza) con Corrado Pensa e per oltre 20 anni ha approfondito la meditazione vipassana con maestri del buddhismo contemporaneo.
Ha ottenuto il Diploma intermediate, riconosciuto dall'Università di Pechino, nelle pratiche di Qi Gong del taoismo tradizionale cinese.
Promotrice di eventi e cultura dello Yoga, è stata nel comitato scientifico del primo Yoga Festival a Roma nel 2008.
Conduce seminari di approfondimento della pratica yoga, collegandola allo studio dei testi tradizionali e tiene a Roma regolari corsi di hatha-yoga. Ha pubblicato articoli e saggi sullo Yoga in riviste scientifiche (Rivista di Studi Orientali) e divulgative (Appunti di Viaggio).
Sta attualmente svolgendo con il prof. R.Torella un Dottorato presso l’Università La Sapienza di Roma con una ricerca sul significato dello Yoga in India nella originaria tradizione shakta ispirata al culto della Grande Dea.

 


Nessun commento: